Archivio dei tag aste

DiAvvocato Federico Depetris

COME CANCELLARE TUTTI I DEBITI

La crisi economica, investimenti sbagliati, la perdita di un posto di lavoro ed un mercato del lavoro che offre poche possibilità di riscatto per i disoccupati hanno costretto famiglie, lavoratori ed imprenditori a non riuscire più a fare fronte ai debiti con le banche o con l’Agenzia delle Entrate.

Spesso la crisi da sovraindebitamento appare senza via di uscita. Capita molto spesso ad esempio che a causa di difficoltà economiche non si riescano a pagare le rate del mutuo e la Banca pignori la casa per metterla all’asta con la conseguenza che alla fine della procedura esecutiva molto probabilmente il debitore avrà perso la casa ma non sarà comunque riuscito a pagare tutto il debito che aveva contratto con l’Istituto di credito, il quale continuerà in ogni modo a cercare di recuperare i soldi ancora dovuti.

Cosa fare in questi casi?

Due sono le possibilità: o si trova un accordo con la Banca (c.d. “saldo e stralcio”) oppure si prova la strada della esdebitazione.

Con l’accordo a saldo e stralcio si propone alla Banca (o a qualsiasi altro creditore) di saldare il debito beneficiando di un considerevole sconto. Per formalizzare l’accordo, però, è necessario avere un minimo di liquidità per pagare la cifra concordata o almeno un acconto, seguito poi dal pagamento dalle rate eventualmente pattuite.

Se non si ha liquidità a disposizione, l’accordo a saldo e stralcio sarà possibile chiedendo alla banca di temporeggiare nel pignoramento, mettere in vendita l’immobile e trovare un acquirente per lo stesso, così da ottenere le risorse necessarie per fare una trattativa con l’Istituto di credito.

Può capitare, però di avere contratto numerosi debiti con soggetti diversi (banca, fornitori, Stato, Equitalia, Agenzia delle Entrate etc) e di non riuscire a pagarli tutti. In questo caso si potranno valutare le procedure di esdebitazione previste dalla legge n. 03 del 2012 finalizzate a risolvere le crisi da sovraindebitamento dei consumatori e degli imprenditori, professionisti, artigiani etc non fallibili.

I vantaggi delle procedure da esdebitazione sono molteplici.

Ad esempio si sospendono tutte le procedure esecutive in corso (pignoramenti), inoltre alla fine delle procedure, il debitore potrà ottenere il decreto di esdebitazione con il quale tutti i suoi debiti, anche quelli che non è riuscito integralmente ad onorare, saranno “cancellati”.

Oggi sono numerosi, quindi, gli strumenti che possono essere adoperati dai debitori per “resistere” alle pretese (anchorché legittime) dei creditori. Per ogni situazione debitoria è possibile studiare la strategia migliore per provare a non perdere tutto o comunque per riuscire ad ottenere una seconda opportunità con la cancellazione dei debiti precedentemente contratti.

L’Avvocato Federico Depetris assiste i debitori, giudizialmente e stragiudizialmente, nella difesa dei loro diritti, studiando per ogni posizione debitoria la soluzione migliore.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SCRIVI A:  SEGRETERIA@AVVOCATODEPETRIS.IT

 OPPURE VISITA LA PAGINA CONTATTI

DiAvvocato Federico Depetris

COME COMPRARE UNA CASA ALL’ASTA.

COMPRARE CASA ALL’ASTA.

Internet ha permesso ad un pubblico sempre più vasto di persone di interessarsi alle case all’asta. In passato infatti per scovare l’affare era necessario acquistare riviste specializzate oppure monitorare gli annunci sui principali quotidiani, oggi, invece, tutti gli immobili all’asta sono presenti su internet, in vari siti e sui siti ufficiali dei tribunali italiani.

Il mercato delle case all’asta nel giro di pochi anni è passato dall’essere un mercato di nicchia e chiuso, ad un mercato più ampio e dinamico, con tante opportunità.

Per comprare una casa all’asta non è necessaria l’assistenza di un legale. Tuttavia, se non si è esperti, è consigliabile avvalersi di una consulenza professionale e specializzata per evitare spiacevoli sorprese.

Su internet, come si diceva più sopra, è possibile trovare tutti gli annunci degli immobili oggetto di vendita giudiziale. In genere nell’annuncio si trova la descrizione dell’immobile, la sua posizione, alcune foto, l’avviso di vendita con tutte le informazioni utili per partecipare alla vendita e la perizia dell’immobile.

Particolare attenzione bisogna riservare alla perizia e all’avviso di vendita. La perizia dell’immobile permette di conoscere, nel dettaglio, lo stato di fatto ed in diritto dell’immobile quindi il suo valore, lo stato degli impianti, lo stato di manutenzione, la presenza di eventuali diritti di terzi, anomalie nelle trascrizioni antecedenti il ventennio, la regolarità edilizia e catastale etc. La perizia quindi, deve essere letta con assoluta attenzione ed è meglio, per quanto concerne la valutazione delle trascrizioni anteriori al ventennio e l’eventuale presenza di diritti di terzi, ottenere il parere di un avvocato per una migliore comprensione del testo della perizia stessa.

L’avviso di vendita contiene invece informazioni indispensabili per effettuare l’offerta e quindi partecipare all’asta.

L’offerta deve essere formulata in conformità a quanto sancito dalla legge processuale e dall’avviso di vendita: un errore, anche minimo, nella formulazione dell’offerta può determinare l’inammissibilità della stessa. Anche in questo caso, quindi, se non si è sicuri è meglio avvalersi della consulenza di un legale per formulare correttamente l’offerta ed evitare di perdere l’opportunità di partecipare alla vendita.

QUANTO SI RISPARMIA COMPRANDO ALL’ASTA?

In tanti si chiedono se e quanto si risparmi comprando casa all’asta.

Rispetto al passato il mercato delle aste immobiliari si è profondamente trasformato. La maggior facilità di accesso alle aste immobiliari ha fatto sì che il prezzo degli immobili non venga abbattuto eccessivamente come in passato. Quindi rispetto a qualche anno fa oggi comprare all’asta è sicuramente meno conveniente, ma comprare casa all’asta significa comunque continuare a risparmiare almeno il 30%. Inoltre anche i costi di un’eventuale consulenza ed assistenza nella procedura immobiliare sono di solito sensibilmente più bassi della provvigione dovuta mediamente ai mediatori (agenzie immobiliari).

Il risparmio, quindi, esiste ed è sicuramente un risparmio molto importante.

La casa all’asta può essere comprata da chi sta cercando un’abitazione per sé oppure da chi vuole effettuare un’operazione speculativa. In questo secondo caso è bene conoscere nel dettaglio la disciplina fiscale in materia di plusvalenze nelle operazioni immobiliari, ma è soprattutto indispensabile avere un’ottima conoscenza del mercato immobiliare.

Il prezzo di aggiudicazione di un immobile acquistato all’asta può essere versato anche ottenendo un mutuo fondiario. Non tutte le banche però concedono mutui per l’acquisto di un immobile in una vendita giudiziale.

C’è anche la possibilità, per le case che sono finite all’asta perché il debitore esecutato non è riuscito a pagare la banca, di subentrare nel contratto di mutuo del debitore stesso. Tuttavia il subentro nel mutuo dell’esecutato è sempre meno conveniente che ottenere un nuovo mutuo.

In conclusione comprare una casa all’asta è una procedura relativamente semplice, veloce ed economica. Inoltre comprando una casa all’asta si può risparmiare significativamente e quindi si può realizzare un ottimo affare. Tuttavia l’acquisto di un immobile all’asta presenta una serie di insidie, per cui è certamente meglio affidarsi a professionisti qualificati.

Lo Studio legale offre assistenza e consulenza nelle operazioni di vendita in tutte le sue fasi.

Inoltre l’Avv. Federico Depetris si avvale dell’assistenza di geometri, architetti e professionisti delle aste immobiliari al fine di offrire un servizio il più completo possibile al Cliente.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SCRIVI A:  SEGRETERIA@AVVOCATODEPETRIS.IT

 OPPURE VISITA LA PAGINA CONTATTI